A novembre del 2012 veniva operato il primo paziente con il robot da Vinci. Cosa è cambiato da allora? I tempi di sala si sono ridotti da 6 ore a 40 minuti superando di gran lunga la media europea che si attesta su oltre due ore. Ridotti i viaggi della speranza verso l’estero e il nord Italia. L’offerta assistenziale ha attivato tutta una serie di percorsi, da quello psicologico a nutrizionale per una sempre più efficace presa il carico del paziente a 360 gradi 

Se fossero candeline la torta su cui sistemarle dovrebbe essere davvero grossa. 2200 gli interventi urologici effettuati da quel 27 novembre 2012 quando al Pascale veniva operato il primo paziente con il robot da Vinci. A dieci anni da quel giorno quel paziente non solo sta bene, ma l’Istituto dei tumori di Napoli si è attestato tra le primissime strutture in Italia in termini di ampiezza dell’offerta assistenziale grazie a tecnologie sempre più avanzate e a performance in termini di tempistiche operatorie: meno di 40 minuti di console nell’ultima procedura, che suonano incredibili ricordando quella prima procedura di 10 anni fa durata oltre 6 ore ed ancora di maggiore peso in virtù del fatto che la media riportata degli operatori di chirurgia robotica per le stesse procedure a livello europeo è di circa 144 minuti. 
Numeri da record si diceva, oltre 2200 interventi di cui, dividendo la torta delle percentuali: il 40 per cento della casistica operatoria è relativa alla chirurgia renale conservativa, il 44 per cento relativa alla prostectomia radicale robot assistita, il 14 per cento alla cistectomia radicale, il 2 per cento alla linfoadenectomia retroperitoneale. 
<Sono numeri importanti – dice Sisto Perdonà, direttore del dipartimento di Urologia del Pascale – se consideriamo che negli anni c’è stata una importante crescita su tutti i versanti nell’offerta assistenziale al paziente oncologico; crescita in termini di innovazione tecnologica – in primis quella della chirurgia robotica che va a braccetto con l’upgrading tecnologico degli innumerevoli dispositivi acquisti che ha portato attualmente a poter disporre di due sistemi robotici per la chirurgia minivasiva; crescita in termini di performance chirurgica tale da portare i risultati tecnici, funzionali e oncologici in risalto tra i migliori a livello europeo e mondiale; crescita in termini di risultati oncologici e funzionali; crescita in termini di offerta assistenziale>. 
E proprio a proposito dell’offerta assistenziale negli ultimi due anni, afferente all’Unità di chirurgia urologica sono stati attivati il 
percorso andrologico, che accoglie ed accompagna il paziente al fine di ottenere il pieno recupero della propria qualità di vita contro la malattia intesa a 360 gradi, il 
percorso psicologico per i pazienti oncologici ed andrologici in attesa di interventi delicati come il posizionamento di protesi peniena affetti da disfunzione erettile di causa oncologica, il percorso di nutrizione specializzata ed individualizzata, il 
percorso per la diagnosi precoce del tumore della prostata di alta specialità grazie alla acquisizione del sistema di biopsia fusion che consente di ottimizzare in modo significativo la precisione e la accuratezza diagnostica 
<Possiamo dire, di fatto, – dice il direttore generale del polo oncologico, Attilio Bianchi – che il Pascale rappresenta oggi una delle principali realtà sul territorio che ha consentito una netta inversione di quelli che una volta erano considerati i cosiddetti “viaggi della speranza” verso l’estero o altri centri del nord. 
Questa esperienza dimostra, inoltre, come oggi l’eccellenza sia sempre di più un gioco di squadra che si ottiene solo grazie all’interazione competente e generosa di chirurghi, anestesisti, clinici, infermieri, personale sanitario specializzato, ma anche ingegneri, manager e funzionari che a tutti i livelli si sono fortemente impegnati per il successo di questa impresa di sistema>. 

3 pensiero su “L’Urologia del Pascale festeggia 10 anni di chirurgia robotica con 2200 interventi”
  1. Operata dal dottor Sisto Perdoná ad agosto 2020. Cistectomia radicale per tumore alla vescica.
    L’intervento in robotica mi ha permesso una ripresa molto veloce. Dopo una settimana tornavo in macchina da Napoli a Brindisi.
    Al di là dei ringraziamenti al dottor Perdoná, vorrei ringraziare l’infermiere Francesco che mi ha accolta giù in sala operatoria. Ero spaventatissima. Una grande umanità e professionalità. Quanto mi piacerebbe poterlo ringraziare di persona

  2. … [Trackback]

    […] Here you will find 85484 additional Information to that Topic: focusitaliaweb.it/lurologia-del-pascale-festeggia-10-anni-di-chirurgia-robotica-con-2200-interventi/ […]

Lascia un commento