Da oggi tutte le visite dermatologiche si effettueranno nella succursale di Forcella dell’Istituto dei tumori di Napoli. Le prenotazioni si effettuano sempre via mail al cup dell’Irccs. Il dg Bianchi: <Abbiamo mantenuto una promessa: fare dello storico presidio di Forcella la porta di ingresso della rete oncologica campana>.

Riaperto 2 anni e mezzo fa in pieno periodo Covid come polo ambulatoriale del Pascale da oggi il presidio ospedaliero dell’Ascalesi diventa l’unica sede dell’Istituto dei tumori di Napoli per le visite dermatologiche. Il management del più grande polo oncologico del Mezzogiorno fa così fede a una promessa lanciata a maggio 2020: fare dello storico presidio di Forcella non solo una succursale della struttura collinare, ma la porta di ingresso della rete oncologica regionale campana. 

Le prenotazioni si effettuano sempre via mail al cup del Pascale (cup@istitutotumori.na.it) , ma tutta la dermatologia si trasferisce nel centro di Napoli. Situato a pochi passi dalla stazione centrale, l’Ascalesi non serve, quindi, più solo a decongestionare la struttura collinare e ad alleggerire le liste di attesa per interventi e visite, oltre ad evitare la migrazione sanitaria, ma diventa vera e proprio propaggine del Pascale. Due gli ambulatori di dermatologia, afferenti al reparto di Melanoma e Terapia Innovative di Paolo Ascierto, aperti tutti i giorni dalle 8.30 a fine visita. Sessanta in media le visite previste ogni giorno. Un’operazione questa avviata la primavera scorsa quando si è deciso di installare proprio all’Ascalesi, il Vectra, una sorta di tac senza raggi x, di ultima generazione, unico macchinario del genere installato in una struttura pubblica in Italia, undicesima in Europa, trentaseiesima nel mondo. 

E pensare che cinque anni fa lo storico presidio, situato a due passi dalla stazione di piazza Garibaldi, fu inserito nell’elenco degli ospedali da dismettere. Fu grazie alla sensibilità del governatore De Luca che accolse subito l’istanza del direttore generale di oggi e di allora, Attilio Bianchi, di accorpare l’Ascalesi al Pascale, a restituire dignità a questa struttura di sette piani. Dopo alcuni interventi di ristrutturazione, a maggio 2020 hanno aperto i battenti i primi 5 ambulatori, dal lunedì al venerdì, tutti per diverse specialità in cui effettuare una prima visita oncologica. Alcuni mesi fa è stata aperta una palestra di riabilitazione e fisioterapia oncologica, avviati i primi pre ricoveri,  sono in fase di ultimazione i lavori per l’apertura della nuova radioterapia e da oggi il trasferimento della cura dei nei. 

<Nei sette piani dell’antica struttura – dice il direttore generale dell’Irccs partenopeo, Attilio Bianchi – c’è abbondanza di spazi che il Pascale intende utilizzare per farne un centro di day surgery, un centro per la nutrizione, con ambulatori di psicologia e servizi avanzati. Il segno tangibile che il Pascale, o ora possiamo dire anche l’Ascalesi, non si è mai fermato. Ringrazio il Presidente de  Luca per la sensibilità e la fiducia da sempre mostrata nella nostra struttura>. 

5 pensiero su “Istituto Tumori Pascale di Napoli: gli ambulatori della pelle si trasferiscono all’Ascalesi”
  1. … [Trackback]

    […] Information to that Topic: focusitaliaweb.it/istituto-tumori-pascale-di-napoli-gli-ambulatori-della-pelle-si-trasferiscono-allascalesi/ […]

Lascia un commento